it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Invia il post
Vai al Blog
Valentina Pacitti

La guida SEO completa ai redirect 301: quando e come usarli

57
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Questo post è in Italiano
Valentina Pacitti
Questo post è in Italiano
La guida SEO completa ai redirect 301: quando e come usarli

Comprendere i redirect 301 ha un'importanza SEO significativa. Sebbene all'inizio possano sembrare semplici, capire come dovrebbero (e non dovrebbero) essere utilizzati in diversi scenari è un po' più complesso, ma con la giusta guida sarai in grado di padroneggiarli abbastanza rapidamente.

Potrebbe essere necessario reindirizzare una pagina per una serie di motivi come:

  • Hai trovato un URL non funzionante.

  • La tua pagina è stata spostata in una nuova posizione.

  • Stai cambiando il tuo nome di dominio.

  • Devi eliminare una pagina.

Se non sai come utilizzare correttamente i redirect, potresti causare problemi che influenzeranno negativamente sia la tua SEO che l'esperienza utente.

Questa guida vuole aiutarti a imparare tutto quello che c'è da sapere sui redirect 301 e su come si adattano alla tua strategia SEO. Vedremo:

Che cos'è un redirect 301? 

Un redirect 301 è un reindirizzamento permanente che porta gli utenti (e i motori di ricerca) a un nuovo URL quando la pagina originale non esiste più - si intende che questa misura viene applicata quando non si ha intenzione di invertire la modifica.

Le pagine Web vengono rimosse e gli URL cambiati per molte ragioni, immagina la pagina di un prodotto fuori produzione o un URL che include la data di aggiornamento.

Questo è del tutto normale e spesso non può essere evitato (sebbene l'eliminazione dei prodotti fuori produzione non sia sempre la migliore idea).

Ma se modifichi o elimini in modo permanente una pagina senza fare nient'altro, ti imbatterai in problemi. Devi mettere in atto un redirect per interrompere qualsiasi visita a quella pagina.

Nella maggior parte dei casi, qui è necessario implementare un redirect 301.

In pratica, si presenta così:

Supponiamo che tu abbia storicamente ospitato il tuo blog su un sottodominio - https://blog.sitoweb.com - e che decidi di spostarlo in una sottocartella - https://www.sitoweb.com/blog/.

Il blog originale è indicizzato da Google, è stato incluso nei post, nelle e-mail e condiviso sui social e probabilmente è stato inserito tra i preferiti dai visitatori. Sta ricevendo traffico e non vuoi perderlo.

Se elimini semplicemente il sottodominio quando sposti il blog nella sottocartella, gli utenti visualizzeranno una pagina 404 quando accederanno a uno degli URL originali.

Questa non è solo una cattiva pratica e un'esperienza utente davvero scadente, ma porterà anche i motori di ricerca a far cadere le pagine del tuo blog dal loro indice - per quanto ne sanno, infatti, non esistono più.

Ma se imposti un redirect 301 chi visita i vecchi URL verrà reindirizzato ai nuovi e nel tempo i motori di ricerca aggiorneranno le pagine nel loro indice.

In breve, manterrai il tuo traffico.

Redirect 301 vs 302 vs 307

Potresti esserti imbattuto in redirect 302 e pensare che siano la stessa cosa dei 301. Non lo sono.

Mentre il codice di stato 301 è un redirect permanente, un 302 è temporaneo e deve essere utilizzato quando una pagina si sposta temporaneamente.

Detto questo, i redirect 302 hanno un uso specifico e sono comunemente usati per testare modifiche o ottenere feedback dei clienti, prevedendo che la pagina originale ritorni al suo posto.

Per molto tempo si è pensato che l'utilizzo di un redirect 302 al posto di un 301 avrebbe fatto perdere tutte le classifiche della pagina originale. Tuttavia, nel 2016 John Mueller di Google ha confermato che questo non è (almeno non più) il caso e che i 302 effettivamente passano PageRank.

Di seguito puoi vedere il commento di Mueller:

Anche il redirect 307 viene utilizzato come reindirizzamento temporaneo. La differenza tra un 302 e un 307 è che il metodo HTTP rimane invariato quando si utilizza un redirect 307. Con un 302, il metodo HTTP può cambiare.

Se la modifica è permanente, usa un 301.

Quali sono i wildcard redirect e perché dovresti usarli? 

I redirect wildcard ti consentono di reindirizzare tutti gli URL in una cartella del tuo sito a un'altra con una sola regola di reindirizzamento.

Mantenendo il nostro esempio di migrazione del blog dal sottodominio alla sottocartella, un reindirizzamento wildcard potrebbe essere utilizzato per:

  • Reindirizzare https://blog.sitoweb.com a https://www.sitoweb.com/blog/

  • Reindirizzare https://blog.sitoweb.com/blog-post/ su https://www.sitoweb.com/blog/nome-post/

Oppure, per fare un altro esempio, è possibile usare un redirect wildcard per modificare la struttura dell'URL di una categoria in un negozio eCommerce, reindirizzando tutti gli URL del prodotto e della sottocategoria di quella categoria alla nuova:

  • Reindirizzare https://www.sitoweb.com/vecchia-categoria/ a https://www.sitoweb.com/nuova-categoria/

  • Reindirizzare https://www.sitoweb.com/vecchia-categoria/prodotto/ a https://www.sitoweb.com/nuova-categoria/prodotto/

  • Reindirizzare https://www.sitoweb.com/vecchia-categoria/sottocategoria/ a https://www.sitoweb.com/nuova-categoria/sottocategoria/

In questo esempio, verrebbero reindirizzati solo quegli URL all'interno della sottocartella /vecchia-categoria/; qualsiasi altro, diciamo, /diversa-categoria/ no.

Ricorda che:

  • I redirect wildcard possono essere utilizzati in caso di modifica di una singola variabile, ad esempio un nome di cartella. Il resto del percorso URL deve rimanere lo stesso per utilizzare un wildcard.

  • Se si stanno modificando gli URL in blocco e nel percorso è stata apportata una sola modifica, i redirect wildcard possono essere un'opzione per reindirizzarli tutti all'interno di una sottocartella senza la necessità di implementare un reindirizzamento individuale per ciascuno.

  • Se nel percorso cambia più di una variabile, i redirect non sono adatti.

Quando usare un redirect 301? 

Ci sono molti casi in cui dovresti usare un redirect 301. Diamo un'occhiata a quelli più comuni.

Spostamento permanente di una pagina a un nuovo URL

Da https://www.sitoweb.com/vecchio-nome-pagina/ a https://www.sitoweb.com/nuovo-nome-pagina/

Ci saranno occasioni in cui dovrai cambiare l'URL di una pagina sul tuo sito.

È possibile che il nome di un prodotto sia leggermente cambiato e sia necessario aggiornarlo, oppure che ti avventuri in un progetto per classificare meglio le pagine del tuo sito in cluster di argomenti o qualsiasi altra ragione (i motivi sono potenzialmente infiniti).

Un redirect 301 garantirà che gli utenti vengano reindirizzati al nuovo URL e che i motori di ricerca indicizzino la nuova pagina, mantenendo le posizioni di classifica raggiunte. 

Eliminazione di pagine del sito

Spesso c'è confusione su quali siano le migliori pratiche quando si elimina una pagina da un sito.

Dovresti fare un redirect 301 a un altro URL o lasciare che diventi una pagina 404? O addirittura dargli uno status 410?

Beh, dipende.

Dovresti fare un redirect 301, 404 o 410 alla pagina che devi rimuovere?

Gli errori 404 o 410 non sono certamente ciò che gli utenti vogliono vedere. E di certo Google non vuole trovarli durante la scansione del tuo sito.

La prima domanda che devi porti è se la pagina che stai eliminando ha più o meno un equivalente altrove sul tuo sito. C’è un'altra pagina sul tuo sito a cui avrebbe senso reindirizzare un utente che ha cliccato sull'URL originale?

Se la risposta è sì, l'opzione migliore sarà quella di implementare un redirect 301.

Se la risposta è no, invece dovrai capire qual è il miglior modo di agire. E questo, in primo luogo, dipende dal motivo per cui stai eliminando la pagina.

Se in realtà non esiste una pagina alternativa a cui reindirizzare gli utenti, la pagina deve essere eliminata definitivamente: l'opzione migliore sarebbe quella di implementare un'intestazione "410" che indichi al browser e ai motori di ricerca che la pagina è stata cancellata.

Un errore 404 significa che il contenuto non può essere trovato, mentre uno stato 410 indica specificamente che è stato eliminato.

Ecco un diagramma di flusso rapido per aiutarti a prendere una decisione in base a cosa funzionerebbe meglio:

quando usare il reindirizzamento 301

Migrazione del tuo sito su un nuovo dominio

Da https://www.sitoweb.com a https://www.nuovositoweb.com 

Le aziende a volte hanno bisogno di cambiare il loro nome di dominio per determinate ragioni.

Potrebbe essere che stiano migrando da un TLD .com a un .co.uk ccTLD, per esempio, o che abbiano deciso di fare un rebranding e debbano passare a un nome dominio che rifletta il nuovo nome commerciale.

È necessario un redirect 301 durante la migrazione da un nome dominio a un altro e deve essere accompagnato dall'utilizzo dello strumento Cambio di indirizzo di Google Search Console.

Modifica della struttura del sito

Da https://www.sitoweb.com/vecchia-categoria/post/ a https://www.sitoweb.com/nuova-categoria/post/

Potrebbe essere necessario modificare la struttura del sito per migliorare le prestazioni SEO e semplificare la classificazione dei contenuti e la comprensione da parte di Google delle relazioni tra le pagine.

Lo stesso concetto si applica alla modifica di qualsiasi struttura di sottocartella sul tuo sito, che si tratti di categorie di blog, categorie di e-commerce o altre cartelle.

Passaggio da URL senza WWW a URL con WWW (o risoluzione dei problemi di duplicazione)

Da https://sitoweb.com a https://www.sitoweb.com

Sebbene non vi sia alcun vantaggio SEO tra l'uno o l'altro, devi assicurarti che il tuo sito si trovi su URL non www o www.

Se scopri che è possibile accedere al tuo sito sia con URL non www che www, dovresti usare un redirect 301 dall'uno all'altro, in base alle tue preferenze, per rimuovere i problemi di duplicazione.

Passaggio da HTTP a HTTPS

Da http://www.sitowebcom a https://www.sitoweb.com

Solo il 60% del Web utilizza il protocollo HTTPS, il che significa che c'è ancora un 40% che non ha fatto questo passaggio.

Se stai cambiando i tuoi URL da HTTP a HTTPS, dovrai utilizzare un redirect 301 per assicurarti che Google indicizzi correttamente il nuovo protocollo e che gli utenti vengano inviati alla pagina giusta anziché a 404, che è ciò che accadrebbe senza mettere a posto questo dettaglio.

Unione di due (o più) domini

Da https://www.sitoweb.de a https://www.sitowebcom/de/

Supponiamo che tu abbia deciso che la tua strategia SEO internazionale ti vedrà unire un certo numero di ccTLD in sottocartelle del tuo dominio .com principale.

Ciò richiede lo stesso processo di reindirizzamento della modifica del nome di dominio, facendo un redirect a una cartella anziché al dominio principale e utilizzando nuovamente lo strumento "Cambio di indirizzo" di Google Search Console (la modifica avviene a livello della sottocartella specifica del Paese).

Risoluzione dei problemi di "Trailing Slash"

Da https://www.sitoweb.com/nome-pagina a https://www.sitoweb.com/nome-pagina/

Eri consapevole che le varianti di un URL con e senza lo slash finale sono in realtà pagine diverse e saranno viste come tali da Google?

Devi assicurarti che il tuo sito utilizzi un approccio coerente per gestire gli slash finali sugli URL delle pagine (la soluzione che scegli è una tua scelta, ma storicamente il web utilizza gli slash finali) e che venga usato il redirect 301 dove necessario con una regola di reindirizzamento a livello di sito.

Risoluzione dei problemi "Maiuscole vs minuscole"

Da https://www.sitoweb.com/Nome-Pagina/ a https://www.sitoweb.com/nome-pagina/

Proprio come le varianti di un URL con o senza slash finale vengono selezionate come pagine diverse, lo stesso accade alle diverse versioni di un URL che contengono lettere maiuscole e minuscole.

Anche una lettera maiuscola in un URL è vista come una pagina diversa dalla sua controparte minuscola e può essere considerata come una duplicazione. In questo caso usare un redirect 301 è la migliore pratica per risolvere i problemi in cui le diverse varianti sono indicizzate.

Meglio usare lettere minuscole per i tuoi URL e non mescolare lettere maiuscole e minuscole.

Come usare i redirect 301 per migliorare le prestazioni SEO

I redirect 301 hanno una serie di usi all’interno di una strategia SEO. Possono aiutarti a superare i problemi che potrebbero ostacolare la visibilità organica del tuo sito o farti sfruttare al meglio le opportunità esistenti per favorire la crescita del traffico.

Ecco alcuni dei modi più comuni in cui i 301 possono essere utilizzati per migliorare le prestazioni SEO:

Unire o reindirizzare pagine con contenuti di bassa qualità

Uno dei modi più efficaci per sfruttare i redirect 301 per potenziare le prestazioni SEO di un sito è quello di usarli per eliminare certi contenuti, unendo pagine con contenuti di scarsa qualità (thin content) per creare grandi pezzi che trattano un argomento in modo approfondito.

Come commenta Kevin Indig nella sua guida passo passo alla potatura SEO:

Panda e altri algoritmi di Google ci hanno insegnato che la qualità, non la quantità, è ciò che fa la differenza. Un approccio efficace per mantenere alta la qualità è la "potatura SEO": tagliare o modificare le pagine con prestazioni inferiori per rafforzare un sito. Meglio avere pochi contenuti ma di grande qualità.

— Kevin Indig

Identifica le pagine con prestazioni insufficienti sul tuo sito, quelle che non hanno guadagnato alcun backlink o che non generano traffico (di solito perché non ottengono posizioni di rilievo sulle SERP): dovresti reindirizzarle a pagine che hanno lo stesso intento o unirle con altre pagine similari per creare qualcosa di grande che merita di posizionarsi.

Migrare il tuo blog da un sottodominio a una sottocartella

Abbiamo parlato della migrazione del tuo blog da un sottodominio a una sottocartella in uno degli esempi menzionati sopra, e questo è uno dei modi più comuni per utilizzare i redirect 301 per ottenere rapide vittorie SEO.

Il contenuto che si trova sul tuo blog ha spesso un grande peso nella tua strategia SEO.

Non solo i contenuti approfonditi aiutano a farti considerare come autorità e a posizionarti come fonte esperta su un argomento agli occhi dell'algoritmo, ma è anche comune che questi contenuti guadagnino una grande percentuale dei link del tuo sito.

Perché dovresti volere grandi link che puntano a un sottodominio quando potrebbero fare molto di più a livello SEO avendo il blog nella root del tuo sito?

A meno che non vi siano restrizioni tecniche che ti impediscono di farlo, la migrazione del blog aziendale da un sottodominio a una sottocartella dovrebbe essere vista come un'attività prioritaria.

Se hai bisogno di un incentivo per compiere questa operazione dai un'occhiata ai risultati che Gianluca Fiorelli ha condiviso su Twitter spostando un blog da un sottodominio alla root del sito come sottocartella:

Decisamente esaustivo, vero?

Risolvere problemi di Keyword Cannibalization

Mettiamo in chiaro una cosa: la cannibalizzazione delle parole chiave non è semplicemente il caso in cui su un sito c’è più di una pagina che punta alla stessa parola chiave, impedendo ad entrambe di classificarsi.

Piuttosto, è un problema che riguarda tutto l'intento di ricerca. Solo quando l'intento di due (o più) pagine sul tuo sito Web è lo stesso, sei in competizione con te stesso e soffri di problemi di cannibalizzazione.

Detto questo, l'uso di redirect 301 è uno dei modi principali per ripulire i problemi causati dalla cannibalizzazione, nei casi in cui non vi è motivo di conservare tutte le pagine concorrenti.

Unire più siti Web in uno

Hai già visto le vittorie SEO che è possibile ottenere durante la migrazione di un blog da un sottodominio a una sottocartella sul tuo sito.

Se la tua azienda gestisce più siti Web - supponiamo che tu gestisca una catena di hotel e abbia un sito diverso per ogni hotel - potrebbe avere senso unirli tutti in uno, proprio come fa Marriott.

quando usare un redirect 301

Ancora una volta, stai combinando l'autorità e la link equity delle proprietà di più domini in uno, creando un sito più forte che ottiene rapidi successi (tieni presente che, per avere il successo di Marriott, le tue strategie SEO devono essere impeccabili).

Gestione dei prodotti fuori produzione

Il modo in cui vengono gestiti i prodotti fuori produzione è una parte della SEO che spesso incontra opinioni diverse.

Opinione 1: se un prodotto non è più disponibile a causa della sua sospensione, e non è probabile che ritorni disponibile, si consiglia spesso di reindirizzare il prodotto alla migliore alternativa. Questo è di gran lunga preferibile all’eliminazione della pagina, che obbliga gli utenti ad affrontare un 404 quando provano ad acquistare un vecchio prodotto in cui si sono imbattuti - e questo è comune.

Ma un reindirizzamento non manterrà le classifiche o la visibilità del prodotto fuori produzione, trasferendo qualsiasi equità alla pagina di destinazione.

Opinione 2: C'è spesso interesse per i prodotti molto tempo dopo la fine della loro produzione, quindi l'altro argomento è che le pagine di questi prodotti dovrebbero rimanere dove sono, almeno per qualche tempo, con le alternative ben in vista, piuttosto che rimuoverle e reindirizzarle.

Un'altra opzione potrebbe essere quella di trasformare questa pagina in una pagina di confronto, ad esempio "Prodotto 2019 vs Prodotto 2020" - le persone confrontano spesso le caratteristiche dei prodotti. Non dimenticare di includere prodotti correlati.

Come implementare i redirect 301

Quindi ora sai cosa sono i redirect 301 e quando dovresti usarli, ma come li implementi?

Sfortunatamente, non esiste un solo modo per farlo: dipende molto dal tuo server e dal CMS che usi.

Ecco come implementare i 301 in alcune delle configurazioni più comuni.

Redirect 301 su Server Apache

Se il tuo sito gira su un server Apache devi modificare il file .htaccess del sito per implementare i redirect.

Accedere alla root del tuo sito tramite un client FTP può aiutarti a identificare rapidamente in che modo devi implementare i 301, se non sei sicuro.

Se vedi un file .htaccess, esegue Apache.

Per aggiungere un redirect al file, usa i seguenti esempi per:

Reindirizzare una singola pagina

Redirect 301 /vecchia-pagina/ /nuova-pagina/

Reindirizzare un intero dominio a un altro

Redirect 301 / https://www.nuovositoweb.com/

Reindirizzare un intero sito a una sottocartella

Redirect 301 / https://www.sitoweb.com/sottocartella/

Reindirizzare una sottocartella a un dominio diverso

Redirect 301 /sottocartella https://www.nuovositoweb.com/

Reindirizzare una directory del sito dopo una modifica dell'URL

Options +FollowSymLinks RewriteEngine On RewriteRule ^(.*)/vecchia-categoria/(.*)$ $1/nuova-categoria/$2 [R,L]

Redirect da Non-WWW a WWW

RewriteEngine on
RewriteBase /
rewritecond %{http_host} ^sitoweb.com [nc]
rewriterule ^(.*)$ http://www.sitoweb.com/$1 [r=301,nc]

Redirect da HTTP a HTTPS

RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTPS} on
RewriteRule (.*) https://%{HTTP_HOST}%{REQUEST_URI}

Redirect a URL trailing-slash

RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f 
RewriteCond %{REQUEST_URI} !(.*)/$ 
RewriteRule ^(.*)$ http://www.sitoweb.com/$1/ [R=301,L]

Redirect 301 su Nginx 

Per creare un reindirizzamento permanente 301 su Nginx, è necessario aggiungere una riga al file .conf, che è tipicamente nella root del server. 

Alcune delle linee comuni che potresti dover usare sono:

Reindirizzare una singola pagina

server {
# Permanent redirect to an individual page
rewrite ^/vecchia-pagina$ http://www.sitoweb.com/nuova-pagina permanent;
}

Reindirizzare un intero dominio a un altro

server {
# Permanent redirect to new URL
server_name sitoweb.com;
rewrite ^/(.*)$ http://nuovositoweb.com/$1 permanent;
}

Redirect da HTTP a HTTPS

server {
listen 80;
server_name sitoweb.com www.sitoweb.com;
return 301 https://sitoweb.com$request_uri;
}

Redirect da Non-WWW a WWW

server {
# Permanent redirect to www
server_name sitoweb.com;
rewrite ^/(.*)$ http://www.sitoweb.com/$1 permanent;
}

Redirect 301 su un server Windows

Se il tuo sito gira su un server Windows in ASP.NET, devi aggiungere i redirect nel file web.config che dovresti trovare nella root del sito.

Ecco come implementare i più comuni tipi di redirect 301:

Reindirizzare una singola pagina

<location path="vecchia-pagina">
<system.webServer>
<httpRedirect enabled="true" destination="http://www.sitoweb.com/nuova-pagina/" httpResponseStatus="Permanent" />
</system.webServer>
</location>

Reindirizzare un intero dominio a un altro

<system.webServer>
<httpRedirect enabled="true" destination="http://www.nuovositoweb.com/" />
</system.webServer>

Redirect da HTTP a HTTPS

<configuration>
<system.webServer>
<rewrite>
 <rules>
<rule name="HTTP to HTTPS redirect" stopProcessing="true"> 
<match url="(.*)" /> 
<conditions> 
<add input="{HTTPS}" pattern="off" ignoreCase="true" />
</conditions> 
<action type="Redirect" redirectType="Permanent" url="https://{HTTP_HOST}/{R:1}" />
</rule> 
 </rules>
</rewrite>
</system.webServer>
</configuration>

Redirect da Non-WWW a WWW

<rewrite>
 <rules>
 <rule name="Redirect http://website.com to http://www.website.com HTTP" patternSyntax="ECMAScript" stopProcessing="true">
 <match url=".*"></match>
 <conditions>
 <add input="{HTTP_HOST}" pattern="^website.com$"></add>
 <add input="{HTTPS}" pattern="off"></add>
 </conditions>
 <action type="Redirect" url="http://www.website.com/{R:0}" redirectType="Permanent" appendQueryString="true"></action>
 </rule>
 </rules>
</rewrite> 

Redirect 301 su siti WordPress

Se il tuo sito gira su WordPress, sei fortunato perché l'implementazione di redirect 301 è davvero semplice e diretta.

Se stai utilizzando il plug-in Yoast SEO Premium, troverai una funzione per la gestione dei redirect incorporata. Se stai utilizzando la versione gratuita di Yoast SEO o un altro plug-in che non offre reindirizzamenti, devi installare un plug-in per i redirect dedicato.

Redirection è il plug-in attualmente più popolare per la gestione dei redirect su WordPress, con oltre 1 milione di installazioni attive. Puoi aggiungere i redirect in pochi minuti; è molto facile da usare.

plugin redirection

Se stai usando un'alternativa a Yoast come RankMath, troverai una funzione per la gestione dei redirect inclusa nel plugin che ti consente anche di servire 410 e altro.

plugin rankmath per i redirect

Redirect 301 sui negozi Magento

Se il tuo negozio eCommerce funziona su Magento, la funzionalità per aggiungere redirect 301 è integrata nella piattaforma.

Ecco come crearli ...

Magento 1

Se usi Magento 1, vai su Catalogo > Gestione URL Rewrite.

Ora vedrai tutti i redirect che sono stati precedentemente creati.

Vai avanti e "aggiungi URL rewrite".

Seleziona un rewrite "Personalizzato".

Compila le informazioni richieste per la riscrittura dell'URL come segue:

come fare redirect su magento

Percorso ID = Il nome della riscrittura (sarà usato solo per fini di amministrazione).

Percorso Richiesta = L’URL di origine / il vecchio URL.

Percorso Destinazione = Il nuovo URL.

Redirect = Permanent (301)

Descrizione = Qualsiasi descrizione che si desidera aggiungere per il redirect.

Magento 2

Per prima cosa vai su URL Rewrites: Marketing > SEO & Search > URL Rewrites

Vai avanti, seleziona 'aggiungi URL rewrite' e compila le informazioni richieste di riscrittura URL come segue:

come fare un redirect su magento 2

Crea URL Rewrite = Personalizzato.

Negozio = Il negozio a cui desideri aggiungere il reindirizzamento.

Percorso Richiesto = Il vecchio URL.

Percorso di destinazione = Il nuovoURL.

Tipo di Reindirizzamento = Permanent (301)

Descrizione = Qualsiasi descrizione che si desidera aggiungere per il redirect

Redirect 301 Redirects su negozi Shopify 

Come per WordPress e Magento, l'implementazione di reindirizzamenti 301 su un negozio Shopify è piuttosto semplice e diretta.

Dal pannello di controllo di Shopify vai su Negozio online > Navigazione

Vedrai quindi un link "Reindirizzamenti degli URL" nella parte superiore della pagina. Clicca su questa voce.

Ora puoi "Creare un reindirizzamento URL". È semplice: basta aggiungere l'URL di partenza e quello finale e salvare il reindirizzamento. 

Redirect 301 su BigCommerce

Se stai gestendo un negozio eCommerce su BigCommerce, ecco come aggiungere redirect 301:

Vai su Impostazioni server › Redirect 301.

Aggiungi un reindirizzamento e aggiungi il tuo vecchio URL.

redirect su bigecommerce Crediti immagine: BigCommerce

Scegli un link manuale (in cui inserisci il nuovo URL per il reindirizzamento) o un link dinamico (puoi selezionare una pagina o una categoria e il reindirizzamento si aggiornerà automaticamente se cambi questa pagina in un secondo momento) come tipo di reindirizzamento.

tipi di redirect su bigcommerce Crediti immagine: BigCommerce

Inserisci l'URL della tua nuova pagina o scegli una pagina a cui reindirizzare se hai selezionato l'opzione di link dinamico di cui sopra.

recdirect manuale, bigcommerce Crediti immagine: BigCommerce

redirect dinamico, bigcommerce Crediti immagine: BigCommerce

Errori di redirect 301 comuni e come evitarli

È facile commettere un errore durante l'implementazione dei redirect 301; qui ci sono alcuni degli errori commessi più comunemente e come evitarli.

Consentire che le pagine restituiscano 404

Nella maggior parte dei casi, non dovresti lasciare che le pagine eliminate restituiscano un codice 404, ma dovresti implementare un redirect 301 per indirizzare gli utenti e i motori di ricerca alla nuova pagina di destinazione.

Puoi utilizzare lo strumento Site Audit di SEMrush per identificare le pagine che restituiscono un errore 404 (e altri 4XX) per risolverli utilizzando i reindirizzamenti.

come trivare pagine 404 e correggerle con redirect 301

Usare redirect 302 invece di 301

Come spiegato sopra, i redirect 301 dovrebbero essere usati quando la modifica è permanente e i 302 quando la modifica è temporanea; tuttavia, questi redirect vengono spesso utilizzati in modo errato.

Ancora una volta, Site Audit tool può aiutarti a trovarli, contrassegnati come "pagine che hanno reindirizzamenti temporanei".

trovare redirect temporanei con site audit tool di semrush

Dovresti quindi aggiornare questi reindirizzamenti da 302 a 301, a meno che non abbia senso che siano impostati su temporanei.

Usare JavaScript per il reindirizzamento senza una corretta impostazione

Puoi usare JavaScript per i reindirizzamenti, se non hai altra scelta - ad esempio se non hai accesso al server del sito Web.

Tuttavia, non sono la scelta ottimale perché i motori di ricerca devono eseguire il rendering di una pagina per trovare il redirect. Molti siti non consentono a Googlebot di eseguire la scansione dei file CSS o JS di un sito e, di conseguenza, la pagina non può essere visualizzata.

L'uso di un reindirizzamento 301, 302 o 307 è in genere consigliato per evitare problemi.

Reindirizzamento a una pagina che ha un diverso intento rispetto all'originale

Non dovresti usare i redirect per il semplice gusto di farlo, poiché ciò può avere un impatto negativo sull'esperienza dell’utente sul tuo sito.

Dovresti solo reindirizzare a pagine simili. Aggiungere redirect che puntano a pagine che hanno un intento completamente diverso rispetto all'originale è considerato una cattiva pratica e dovrebbe essere evitato laddove possibile.

Usare solo i redirect quando si aggiornano link interni interrotti

Se grazie a Site Audit tool riscontri sul tuo sito link interni interrotti, non dovresti semplicemente usare i redirect 301 per risolverli, poiché stai creando una catena di redirect non necessaria.

Piuttosto, aggiorna prima la destinazione del collegamento interrotto, quindi aggiungi un reindirizzamento alla pagina corretta una volta che questo è stato fatto.

trovare link interni interrrotti con site audit e fare un redirect

Catene di redirect e loop

Due esempi comuni in cui i redirect 301 vengono utilizzati in modo errato sono le catene e i loop di reindirizzamento. Le lunghe catene di reindirizzamento e i cicli infiniti rendono difficile ai motori di ricerca la scansione del tuo sito e possono anche rallentare la velocità di caricamento del tuo sito.

È possibile identificare catene e loop di reindirizzamento utilizzando lo strumento Site Audit di SEMrush e rimuovere catene e loop rielaborando i redirect in modo che puntino dal primo all'ultimo URL della serie.

Ecco qua; tutto ciò che devi sapere sull'utilizzo dei redirect 301.

Sebbene possano sembrare un argomento semplice, c'è molto di più di quello che molti pensano, specialmente quando si tiene conto non solo dei diversi scenari di utilizzo e dei diversi modi in cui i redirect 301 devono essere implementati in base alla configurazione del proprio sito.

Comprendere i reindirizzamenti 301 è una parte essenziale di qualsiasi conoscenza SEO. Controllando il modo in cui li stai usando, sarai in grado di evitare errori e utilizzarli nelle giuste situazioni.

Verifica se ci sono errori sul tuo sito.

Usa Site Audit di SEMrush.

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Valentina Pacitti
SEMrush

Dipendente di SEMrush.

Responsabile del Blog italiano di SEMrush.
Invia feedback
Il tuo feedback deve contenere almeno 3 parole (10 caratteri).

Utilizzeremo questa e-mail solamente per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Grazie per il tuo feedback!